Agrumi

L’effettiva disponibilità delle singole varietà è soggetta a verifica. Per ogni informazione contattateci allo 0997314217 oppure scriveteci su Whatsapp

Arancio dolce

È originario del Vietnam, India e Cina Meridionale, ed è l’agrume più coltivato nel mondo.

Arancio dolce

Arancio navellina

Varietà a polpa bionda, matura da ottobre a dicembre, ma il frutto resiste anche più a lungo sulla pianta, aumentando il suo grado zuccherino e quindi la sua dolcezza. La buccia è a grana medio/fine con un colore, a seconda della maturazione, dal giallo tenue all’arancio intenso.

Arancio navellina

Arancio sanguinello

Polpa rossa, poco zuccherina e con elevato contenuto di acido citrico. Cultivar pigmentata, matura a Febbraio ma si conserva sulle piante fino ad Aprile.

Arancio sanguinello

Arancio tarocco

Frutto sferico, con polpa striata di rosso e privo di semi. Matura ai primi di dicembre. E’ un’arancia tipica da tavola, buona da mangiare e facile da sbucciare. La buccia ha spessore medio e colore molto tenue.

Arancio tarocco

Arancio tarocco moro

Il frutto è ovoidale, con polpa rossa e quasi privs di semi. Matura ai primi di dicembre, ma i frutti raggiungono le migliori caratteristiche circa un mese dopo. La pezzatura è media e il colore arancio intenso, con aree rosso-violacee a maturazione avanzata.

Arancio tarocco moro

Arancio valencia

La forma è sferica, la buccia di medio-spessore e di colore arancio-chiaro. La polpa, color arancio-biondo, è molto succosa e priva di semi. Matura a fine aprile, ma viene raccolta anche a giugno inoltrato. Ha una buona percentuale in succo e un sapore discreto.

Arancio valencia

Arancio washington

Tipica arancia da mensa, di colore arancio intenso con un ombelico alla base; la forma è rotonda, leggermente schiacciata; gli spicchi hanno una grana fine ricca di succo e dolce. Il periodo di maturazione va da metà dicembre a maggio.

Arancio washington

Bergamotto

Il frutto è simile a un’arancia, ma di colore dal verde al giallo, secondo la maturazione, ha buccia sottile e liscia e un peso che va dagli 80 ai 200 grammi. La buccia risulta molto ricca di olii essenziali. La polpa ha un succo molto acido e amarognolo.

Bergamotto

Cedro

I frutti sono grandi, ovali, con buccia spessa. La scorza che viene utilizzata per la preparazione di canditi, acqua e sciroppo di cedro e per l’estrazione di olii essenziali. Con il succo si preparano bibite.

Cedro

Cedro di Babilonia o Cedro gigante

(Citrus medica maxima) Pianta vigorosa, con una chioma irregolare e con spine. Rifiorente e molto produttiva, ha le due fioriture principali in primavera e autunno. I fiori sono grandi, profumati e disposti a grappolo. I frutti anch’essi di notevole dimensione, hanno una forma oblunga. La buccia corrugata è molto spessa, di colore giallo.

Cedro di Babilonia

Cedro mano di Buddha

(Citrus medica digitata) Originario della Cina, ha una forma bizzarra dei frutti, che ricordano appunto una mano. Il frutto matura in inverno e viene raccolto a inizio primavera. La sua buccia può essere più o meno spessa e presenta pochissima polpa al suo interno. La parte utilizzata è la buccia: tritata come ingrediente in preparazioni dolci e salate, lasciata fermentare oppure candita. Utile anche per la preparazione di liquori.

Ha un profumo delizioso e spesso il frutto viene utilizzato per profumare biancheria ed abiti all’interno di cassetti o di armadi.

Cedro mano di Buddha

Chinotto

Ha fiori piccoli, bianchi e molto profumati. I frutti, da non consumarsi fresco perché estremamente amaro e acido, è di piccole dimensioni e di un bel arancio intenso. Oltre che a puro scopo ornamentale si utilizzano i frutti per produrre canditi, liquori, mostarde e la classica bibita.

Chinotto

Clementino

Il frutto precoce matura fra Ottobre e Novembre. A maturazione la buccia è di colore arancio intenso con superficie liscia, mentre la polpa e di color arancio e quasi senza semi, molto dolce.

Clementino

Combava o Citrus hystryx

Il Citrus Hystrix, detto anche Combava o Papeda delle Mauritius, è un agrume della famiglia dei Lime originario delle zone tropicali. Il frutto ha un sapore aspro e forte, ottimo per la preparazione di liquori e come aromatizzante in ricette esotiche come quelle della cucina creola e tailandese. Ha belle foglie lucide di colore scuro, che nei paesi di origine vengono consumate fresche in insalata.

Citrus hystyx

Kumquat

Agrume di origine cino-giapponese, presenta piccoli frutti ovali, interamente commestibili (anche la buccia), ottimi per bevande, liquori, macedonie e dolci. La buccia è dolce e molto aromatica.

Kumquat

Lima tahiti

Albero di piccole dimensioni con frutti verdi, più piccoli dei limoni, molto ricco di oli essenziali e con buccia rugosa e sottile. La polpa, giallo tenue, è piuttosto acidula e succosa. Adatto a climi tropicali e subtropicali, teme gli inverni troppo rigidi. Si consiglia quindi una posizione abbastanza riparata e molto soleggiata. Utilizzatissima per cocktail e bevande. Ottimo per aromatizzare piatti di carne e pesce.

Lima tahiti

Limequat

Simile al kumquat per le dimensioni, ha un frutto leggermente allungato e giallo intenso, dal buon sapore acidulo. Da consumarsi con la buccia, ottimo per liquori, dolci e bevande.

Limequat

Limetta romana

Albero molto ornamentale, con piccoli frutti gialli dal succo dolce.

Limetta romana

Limone caviale – Finger lime – Microcitrus – Caviale vegetale

Ultima novità nella grande famiglia degli agrumi il Limone caviale, di origini australiane, è ricercato per la polpa a piccoli globi croccanti e succosi, simili al caviale. Molto apprezzato in cucina dai più celebri chef internazionali. La coltivazione è del tutto simile a quella degli agrumi più comuni.

Limone caviale

Limone di Sorrento o Limone amalfitano

Il limone di Sorrento ha frutti medio-grandi, con un succo molto acidulo. La buccia è particolarmente profumata per la presenza di molto olio essenziale, ed è quindi ottima per la preparazione di dolci e infusi.

Limone amalfitano

Limone quattro stagioni o Limone lunario

Limone che porta frutti durante tutto l’anno. Predilige terreni ben drenanti, senza ristagni idrici, e un clima mite.

Limone quattro stagioni

Limone rosso

Il limone rosso è una variante del classico limone, con buccia e polpa di colore rossastro e un sapore un po’ più aspro. Deperisce velocemente ed è per questo che è difficile trovarlo nei fruttivendoli: l’unico modo per gustarlo e coltivarselo da sé! Ottimo sostituto del limone classico, particolarmente apprezzato come ingrediente nei succhi ACE o come condimento in cibi che necessitano un tocco di acidità.

Limone rosso

Mandarino comune e tardivo

Frutto con la buccia più spessa rispetto al clementino, polpa arancio-chiaro, molto dolce e aromatica.
Il comune matura fino a fine novembre, mentre il tardivo da gennaio ad aprile.

Mandarino

Mandarino miyagawa

Agrume originario del Giappone. L’albero non è molto alto: portamento tondeggiante e chioma fitta. Il frutto si presenta di colore verde intenso anche a maturazione avvenuta, tra fine settembre ed ottobre. La polpa è di colore arancio, senza di semi.

Mandarino miyagawa

Mapo

Ibrido tra mandarino e pompelmo, il Mapo ha una buccia sottile e di color verde anche a maturazione, mentre la polpa è giallo-arancio carico. Le caratteristiche organolettiche del frutto sono eccezionali, e lo stesso è consigliatissimo dai nutrizionisti per le sue qualità antiossidanti, antinfiammatorie e rilassanti, in particolare agisce contro i disturbi del sonno.

Mapo

Pomelo

(Citrus maxima) E’ il più grande tra gli agumi, arrivando anche ai 30 cm a pezzo e presenta grandi quantità di albedo. La buccia è liscia e di color giallo-verdino, mentre la polpa varia dal giallo al rosso. Il sapore è simile a quello del pompelmo e si utilizza sopratutto come frutto da tavola o per il succo.

Pomelo

Pompelmo bianco

Grosso agrume dalla scorza spessa e gialla che racchiude una polpa molto succosa, rinfrescante e dal sapore acidognolo. E’ ricco di fibre e vitamine (A, B, C). Periodo di maturazione: dicembre-gennaio.

Pompelmo bianco

Pompelmo rosa

Pianta molto vigorosa, presenta il frutto con polpa rosata succosa e amarognola-acidula, più dolce della varietà a polpa gialla.

Pompelmo rosa

7 Responses to “Agrumi

  • esiste il limo?

    • Buongiorno Enzo, il nostro fornitore non ha purtroppo questa varietà, che, da quanto ci risulta, è molto raro da reperire in commercio.

  • potrei sapere il nome del limone dolce?

    • Salve Armando, quello in elenco è il Limone Dolce del Brasile. Purtroppo al momento non è però disponibile in azienda. Grazie per il tuo interesse

  • Sono d’accordo con te…continuate così!

  • Hai ragione concordo in pieno. Ottimo è riduttivo.

  • Luciano Mariano
    4 anni ago

    Bravi. Finora è l’elenco di agrumi
    più completo che ho trovato. Ottimo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: