Sanseveria

La Sanseveria è una pianta grassa molto utilizzata come pianta da appartamento, per la sua facilità di coltivazione.

Non è solo un vezzo estetico che ne garantisce la diffusione in moltissime case ed uffici. Infatti la Sanseveria è anche una delle piante capaci di purificare l’aria degli ambienti chiusi, ed è particolarmente efficace contro benzene, formaldeide, toluene, tricloroetilene, xilene. È tra le più efficaci contro la formaldeide. Se vi interessa l’argomento potete trovare altre Piante che purificano l’aria nel nostro blog.

Caratteristiche e varietà della Sanseveria

Si presenta con un cespo di lunghe foglie carnose e rigide, svettanti verso l’alto, dalle forme e colori differenti in base alle varietà. La più comune, la Sanseveria laurentii o trifasciata ha foglie verde intenso al centro con i bordi di un giallo vivo, ma ci sono altre tipologie come la Sanseveria zeylanica, con le foglie verde scuro, leggermente screziate, o la Sanseveria vittoria, con un’unica foglia molto grande di un bel verde delicato. Altre varietà hanno forme differenti, come la Sanseveria cilindrica, con foglie rotonde, spesso utilizzate per creare composizioni intrecciate, man mano che crescono.

Dove posizionare la Sanseveria?

La Sanseveria predilige un’esposizione luminosa ma non con il sole diretto. È una della principali piante grasse da utilizzare in appartamento anche per chi è alle prime armi con la coltivazione di piante. Posizionatela lontano da termosifoni, stufe o camini, che seccano eccessivamente l’aria, così come da correnti eccessivamente fredde come quelle provenienti da un condizionatore d’aria.

Come bagnare la Sanseveria?

Le annaffiature devono essere moderate, attendendo sempre che la terra sia completamente asciutta prima di bagnare nuovamente. In situazioni ottimali si può irrigare anche 2-3 volte al mese, ma, come vi consigliamo sempre, è sempre bene verificare direttamente sulla vostra pianta le sue necessità. Se avete dei dubbi potete inserire un dito nel vaso e toccare il terriccio i profondità: finché sentite umidità non è necessario bagnare.

Ricordate di bagnare sempre il terriccio e non la pianta: gocce d’acqua accumulate nelle pieghe tra le foglie possono portare a problemi di marciume e danneggiare le foglie della nostra Sanseveria. Una volta bagnato il terriccio evitate che l’acqua residua ristagni nel sottovaso, e rimuovetela.

Le cure base per la Sanseveria

Il rinvaso non va effettuato troppo spesso, si tratta infatti di una pianta che predilige ambienti stretti. Per verificare se è necessario il rinvaso potete osservare le radici che spuntano dai fori inferiori del vaso, o se il nostro vaso in plastica si sta deformando per la spinta delle radici.

Il rinvaso va effettuato preferibilmente con un terriccio drenante, meglio se specifico per piante grasse con una miscela di pomice e sabbia. Una concimazione regolare, con concime liquido per piante grasse, ne aiuterà la salute e la crescita generale.

Il significato della Sanseveria

Se desiderate regalare questa pianta sappiate che ha degli ottimi significati, infatti è tradizionalmente legata alla resistenza ed alla forza, ed è un augurio di ricchezza e salute. Inoltre è una delle piante meglio utilizzate in ambiente domestico dal Feng Shui, grazie alle sue forme slanciate e verticali.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.