Erica calluna

L’Erica calluna è un piccolo arbusto acidofilo, con foglie aghiformi, che rappresenta uno dei principali simboli dell’Autunno. In questa stagione infatti l’intera lunghezza dei suoi rami viene ricoperto di piccoli fiorellini bianchi, rosa o porpora, creando un bellissimo effetto cromatico, davvero di grande effetto.

Dove coltivare l’Erica calluna

L’erica calluna è una pianta da coltivare all’esterno in zone ombreggiate, poiché teme il sole diretto. I nostro autunni mediterranei sono spesso molto soleggiati e caldi, quindi prestate attenzione alla posizione di queste belle piantine per non rischiare di rovinarle. Potete coltivarla sia in piena terra che in vaso, e quest’ultima soluzione può aiutare chi ha giardini troppo assolati in questa fase di transizione tra una stagione e l’altra.

Come coltivare l’erica calluna

Il terreno deve essere sempre leggermente umido, evitando ristagni idrici, e deve essere un terriccio specifico per piante acidofile, come quello specifico della Vigorplant che trovate in vendita nel nostro reparto terricci in comodi sacchetti da 20 litri.

Si tratta di una pianta che non richiedere apporti idrici troppo importanti, perciò assicuratevi sempre che il terriccio sia asciutto prima di bagnare nuovamente. Tuttavia considerate che gli esemplari coltivati in vaso avranno bisogno di una maggiore quantità di acqua rispetto a quelle in aiuola. Le radici dell’erica, infatti, creano in reticolo molto sottile e fitto all’interno del terreno, funzionando come una piccola spugna, ed utilizzando al massimo le risorse idriche disponibili. Nel vaso questo ha dei limiti imposti dalla grandezza dello stesso, e quindi questo spiega perché sarà necessario intervenire più spesso. In ogni caso evitate sempre i ristagni, molto dannosi.

Per la concimazione potrete utilizzare un concime specifico per piante acidofile, meglio se liquido, in modo che sia subito disponibile per la fioritura, da diluire nell’acqua di bagnatura ogni 15 giorni circa.

Curiosità

Un’ultima chicca: potremmo definirla una pianta che “va oltre la morte” grazie alla sua capacità di disidratarsi e mantenere attaccati foglie e fiori anche quando ormai non è più vitale. Non è meravigliosa?

È un’ottima idea regalo, soprattutto se abbinata ad un vaso decorativo, per regalare un tocco di colore nella stagione fredda!

La calluna non è l’unica varietà di erica coltivabile nei nostri giardini. Scoprite con noi le altre tipologie di Erica.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.