La cura dell’Albero di Natale

La cura dell’Albero di Natale

Immancabile nelle nostre case durante le festività, l’albero di Natale è da sempre simbolo di vita e di rinascita.

Gli alberi di Natale comunemente diffusi per le festività appartengono a differenti varietà del genere Abies.
Il più classico è l’ABETE ROSSO, che ama posizioni fresche e ombreggiate. Gli aghi sono sottili e pungenti e se posto in un ambiente troppo caldo tende a perderli.

Un altra tipologia molto diffusa per la bellezza della chioma e la persistenza degli aghi sui rami è l’ABETE NORMANNIANO, sempre di origini nordiche e adatto a posizioni fresche e ombreggiate. Gli aghi del normanniano sono più doppi e morbidi del classico abete rosso, e non pungono. Inoltre hanno una maggior resistenza agli ambienti più caldi, fattore che li rende i preferiti per addobbare l’interno delle nostre case nel periodo natalizio.

esterno-abete-normanniano-2015-1 esterno-abete-normanniano-2015-2

Il primo grande consiglio che vi diamo, una volta fatta la scelta di acquistare un albero vero e non uno artificiale, è quello di scegliere sempre e solo alberi con la zolla e le radici. Gli alberi senza zolla, infatti, non solo non dureranno per tutto il periodo delle festività nelle nostre case, ma dovranno necessariamente essere cestinati al loro termine, con un gesto di incredibile disprezzo per la natura e quello che ci offre.
Un albero radicato invece può essere invasato e mantenuto in vita per gli anni a venire, abbellendo il vostro giardino e la vostra vita!

E se proprio non avete spazio per curarlo durante l’anno potete sempre donarlo a qualche associazione che si occupa di rimboschimento, compiendo un bel gesto per tutta la comunità.

 

Una volta scelto e posizionato in casa il nostro albero dobbiamo prestare attenzione ad alcuni elementi per garantirgli le condizioni migliori possibili:
– Non posizionatelo vicino a termosifoni o riscaldamenti, l’aria secca infatti li danneggia molto;
– Possibilmente utilizzate serie luminose a led, che scaldano meno la pianta;
– Non spruzzate neve finta, lucidi o vernici, che otturano gli stomi delle foglie e non permettono alla pianta di respirare;
– Per l’annaffiatura potete utilizzare del ghiacchio, da porre sul terriccio una volta o due volte alla settimana circa, in base alla grandezza del vaso. La temperatura più bassa dell’acqua sciolta aiuterà l’albero a resistere alle temperature più alte delle nostre abitazioni.

 

Terminate le festività riportate la pianta all’esterno, in vaso o in piena terra a seconda delle vostre possibilità, in una posizione fresca e riparata dalla calura del sole, soprattutto durante l’estate. Sempre durante la stagione primaverile-estiva non fategli mancare l’acqua. In primavera ed autunno concimate l’albero con concimi a base di azoto e carbonio. Il terriccio per la piantumazione deve essere drenante, provvisto di pomice, per evitare ristagni idrici pericolosi per le radici.

Caucasian Fir. (Abies nordmanniana) esterno-abete-rosso